La costruzione di Château Rioublanc risale agli inizi del XIX secolo. Non è un "castello" in senso stretto, ma una bella "Girondina" di 250m² in pietra da taglio, con una cantina adiacente e grandi edifici agricoli.

E' però solo nel 1963 che Edouard Carretero acquisisce la proprietà con i suoi 38 ha, di cui solo 5ha vitati. Edouard inizia quindi una doppia attività, di produzione ma anche di commercio del vino nel nord della Francia. Per molti anni, tutte le entrate commerciali sono investite nello sviluppo del vigneto.  Nel 1967 vengono piantati  2ha di Merlot. Se oggi la produzione di rosso a Rioublanc è ovvia, all'epoca, tutti prevedevano il fallimento di questo "sconosciuto" che piantava il rosso dove gli antichi prediligevano l'uva bianca. Perché St Ciers d'Abzac, come tutta la Gironda settentrionale, produce solo vino bianco. La prima vendemmia vinificata allo Château è del   1972 (2 ha in rosso AOC e 3 ha di bianco). Durante tutti gli anni che seguono, Edouard Carretero divide la sua vita tra St Ciers d'Abzac per la produzione e il Nord della Francia per la vendita. Attraverso la forza di volontà e il coraggio, Château Rioublanc risorge dalle ceneri dopo oltre 50 anni di letargia. Nel 1989 Edouard è affiancato da suo figlio, Philippe, ingegnere-enologo, su un vigneto che ora conta 15ha. Le attività combinate di padre e figlio consentono un rapido sviluppo del dominio: piantagioni di vigneto, ampliamento degli edifici, acquisto di un gruppo freddo per le vinificazioni quindi di un gruppo di imbottigliamento: dalle piantagioni all'imbottigliamento tutto è fatto internamente. Anche l'attività commerciale è fiorente: Edouard Carretero continua le vendite porta a porta nel Nord, mentre Philippe organizza vendite per corrispondenza dal castello. Nel 1994 il vigneto raggiunge i 40 ha con l'acquisizione di 12 ha nei comuni limitrofi di Périssac e St Genès de Fronsac. I vitigni sono bilanciati con 36ha di rosso (Merlot 60%, Cabernet Sauvignon 25%, Cabernet Franc 15%) e 4ha di vini bianchi (Sauvignon e Sémillon) . Nel 1999 ha inizio la ristrutturazione del vigneto che continua per oltre 13 anni, passando ad alta densità: 5000 viti / ha. Nello stesso anno cessa la vendita a domicilio nel Nord: a 65 anni, Edouard inizia una "pensione attiva" nella sua fattoria. Il 2009 segna la conversione all'agricoltura biologica di tutto il vigneto (47ha). Questa conversione al biologico è accompagnata da un importante piano di investimenti.  Il primo raccolto di uva biologica è del 2012 - 2013. Dopo le eccellenti annate 2009, 2010 e 2011, i primi 2 raccolti "vino biologico" sono decisamente minimi: in 2 anni l'azienda produce l'equivalente di un singolo raccolto. Ma la qualità è il punto fermo su cui Philippe non ha ripensamenti. 
Questo rinascimento di Château Rioublanc ha richiesto 50 anni di pazienza e perseveranza. Ma oggi la maison propone una gamma validissima di prodotti con certificazione BIO e con un livello di qualità degno dei più alti riconoscimenti. 

© L'Enfant Terrible è un marchio di proprietà di Champagne & Co. s.r.l.  - Brescia

P.IVA 03290670987 - REA BS-521533

  • Facebook
  • Instagram